INTERPELLANZA PER LA VENDITA EX ASL DI VIA ROMA E INTERVENTO IN CC

The following two tabs change content below.
Franco Casali

Franco Casali

Consigliere Comunale per Tu@Saronno
Consigliere Comunale per Tu@Saronno - Membro delle commissioni Bilancio e Patrimonio, Affari Generali e Servizi Sociali, Urbanistica, Trasparenza.

Allegata l’Interpellanza relativa alla decisione dell’amministrazione di vendere l’immobile di proprietà pubblica ex-ASL di via Manzoni in discussione nel C.C. del 14 maggio 2019, e più sotto, l’intervento in CC.

Riprendo alcuni punti dell’Interpellanza e aggiungo altre considerazioni:

  • Saronno ha pochi immobili storici e pochissimi di questi sono di proprietà pubblica – Palazzo Visconti, Villa Gianetti e appunto la ex ASL.
  • La decisione di venderla non tiene in considerazione le caratteristiche architettoniche di questo storico immobile (1880), oltre che quelle affettive derivanti dai suoi diversi utilizzi nel corso di quasi un secolo e mezzo – Asilo, sede del comando dei Regi Carabinieri, ASL -, la sua posizione centrale, la vicinanza con Villa Gianetti e Palazzo Visconti, le diverse possibilità di riutilizzo e VALORIZZAZIONE, ed il corretto valore economico  della struttura.
  • Qualunque sia la decisione di tipo politico-amministrativo, ovvero vendere, ristrutturare e valorizzare, ecc. questa va motivata e documentata per iscritto, soprattutto se come in questo caso si intende vendere un importante immobile di proprietà pubblica, un unicum: non avete infatti deciso di vendere un piccolo appartamento, potendone ricomprare un altro domani, se necessario.
  • I principi di trasparenza e di corretta amministrazione richiedono di motivare e documentare le scelte, in questo caso, come per quello recente di via Roma.
  • Invece, né DUP, né Bilancio di Previsione 2019/21 contengono due righe, dico due semplici righe di motivazione.  Le parole “Vendita immobile via Manzoni (ex ASL) Eur 1.400.000” NON costituiscono una motivazione. Dicono semplicemente che la ex-ASL  è  oggetto di vendita, NON perché.
  • Non c’è una PERIZIA aggiornata. Mi chiedo quindi come si sia potuto iscrivere un valore così elevato a bilancio senza alcuna documentazione di supporto. Questa è l’entrata più significativa a Bilancio per “alienazione immobili di proprietà”.
  • La perizia fatta oltre 10 anni fa in sede di acquisto dell’immobile dall’Istituzione per Eur 1.376.000 si riferisce a tempi in cui il mercato immobiliare quotava prezzi molto più alti degli odierni, e non è stata comunque da voi citata.
  • Attendo una risposta per questi 3 aspetti che denotano quanto l’amministrazione abbia agito con superficialità e mancanza di trasparenza, ovvero: 1) perché non si è motivata la decisione di vendere 2) la mancanza di una perizia aggiornata 3) cosa l’amministrazione intende fare per ovviare a queste carenze di analisi, documentazione e programmazione amministrativa e finanziaria.

I commenti sono chiusi.