BILANCIO E PARTECIPAZIONE: L’INTERVENTO DI PAOLO SALA IN CONSIGLIO COMUNALE

The following two tabs change content below.

timthumbPartecipazione e bilancio sono aspetti che possono andare a braccetto. Paolo Sala ne ha parlato nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale, giovedì 26 marzo 2015. Proprio la strutturazione della partecipazione è uno dei punti cardine del nostro programma per le Amministrative 2015. Di seguito il testo integrale dell’intervento.

“Ieri sera si è tenuta a Saronno una interessante conferenza sul bilancio partecipativo e ancora una volta ho sentito ribadire considerazioni che personalmente avevo già espresso in questa sede relativamente alla sempre più insostenibile situazione finanziaria dei comuni che devono subire ogni anno drastici tagli di risorse che possono essere solo parzialmente compensate da aumenti della tassazione.  Con queste modalità lo Stato centrale fa apparire i comuni come voraci impositori,  ribaltando di fatto ed in modo subdolo sui comuni la responsabilità di fare gli esattori nei confronti dei cittadini.  Il tutto con l’ulteriore vincolo del patto di stabilità che non permette di fare investimenti adeguati .    In questa situazione le Amministrazioni comunali possono ritenersi soddisfatte se riescono comunque a sostenere la sola gestione ordinaria senza potersi permettere di indirizzare la vita e lo sviluppo della città secondo un reale progetto politico.

Paolo Sala - Consigliere Comunale di Tu@Saronno

Paolo Sala – Consigliere Comunale di Tu@Saronno

Da qui l’esigenza e l’auspicio, scaturiti anche nella conferenza di ieri, di unirsi ad altre amministrazioni comunali, di qualunque colore politico, perché si attuino forme di protesta – e ormai potremmo anche parlare di forme di ribellione –  per ottenere, quantomeno, un allentamento del patto di stabilità per i comuni virtuosi e non particolarmente indebitati, come è il nostro.

Voteremo a favore dell’approvazione di questo bilancio preventivo perché vogliamo sottolineare come questa Amministrazione sia riuscita per tutto il mandato – e ancora per quest’ultimo anno – a sostenere una gestione che ha mantenuto integralmente e ad un buon livello i principali servizi senza significativi aumenti delle tariffe. In particolare condividiamo la destinazione di consistenti risorse ai servizi sociali e di istruzione che possono vantare livelli qualitativi superiori a molte altre città di dimensione analoghe alla nostra.

Tornando tema di inizio intervento ovvero al bilancio partecipativo ci sentiamo di fare un appunto critico sul fatto che, nonostante le continue sollecitazione di Tu@Saronno,  non sia mai stata attuata la pratica del bilancio partecipativo che, seppur con le limitazioni del caso dovute alla scarsità di risorse, avrebbe avvicinato la cittadinanza alle tematiche del bilancio comunale, alla comprensione delle  difficoltà che si incontrano nella gestione delle scarse risorse pubbliche ed alla condivisione e programmazione di singoli progetti proposti dai cittadini e per questo più vicini alle esigenze quotidiane dei saronnesi. Peccato, perché più di un anno fa è stato avviato tavolo di lavoro, fortemente sostenuto da Tu@Saronno, che è giunto a un passo dall’approvazione di un regolamento di base sul quale si sarebbero potuti fare approfondimenti e ragionamenti, ma il percorso si è arenato. Di certo per non mancanza di tempo. Forse per mancanza di una reale e condivisa volontà politica”.

I commenti sono chiusi.