RIUSO: QUANDO QUELLO CHE NON SERVE PIÙ TORNA A VIVERE

The following two tabs change content below.
Morena Bosaia

Morena Bosaia

Membro della Commissione Mista per la Politica della Casa per Tu@Saronno - Mi occupo anche di riuso, rifiuti, energia e tutela ambientale.

10995533_10205330788102382_5887653589204418626_n“È successo nel 1995, quando c’era una lotta in tutto il paese contro la proposta di un inceneritore. Io compresi che non bastava dire no, bisognava offrire soluzioni. E così andai nella mia classe con un sacco nero di spazzatura e la rovesciai sulla cattedra.

Ecco – dissi – plastica e bucce di banana, torsoli di mela, carta, insalata, legno, pasta avanzata… Tutta assieme, questa è spazzatura. Se invece facciamo una cernita e cominciamo a dividere – bucce con torsoli, plastica con vetro… – diventa una risorsa. La spazzatura non c’è più”. Rossano Ercolini è un maestro elementare, a Capannori, in provincia di Lucca, ha dato inizio a una rivoluzione culturale che ha investito anche la nostra Saronno.

L’osservatorio rifiuti zero insegna anche questo: a trasformare i rifiuti in risorsa, a ritardare il più possibile la loro fine in discarica.

La gestione dei rifiuti non è un problema tecnologico, ma organizzativo, dove il valore aggiunto non è quindi la tecnologia, ma il coinvolgimento della comunità chiamata a collaborare in un passaggio chiave per attuare la sostenibilità ambientale e questo non lo dico io ma è uno dei punti focali del percorso verso Zero Waste, Rifiuti Zero.

Rifiuti Zero è una strategia di gestione dei rifiuti che si propone di riprogettare la vita ciclica dei rifiuti considerati non come scarti ma risorse da riutilizzare come materie prime seconde, contrapponendosi alle pratiche che prevedono necessariamente processi di incenerimento o discarica, e tendendo ad annullare o diminuire sensibilmente la quantità di rifiuti da smaltire.

Il riciclaggio previene dunque lo spreco di materiali potenzialmente utili garantendo maggiore sostenibilità al ciclo di produzione/utilizzazione dei materiali, riduce il consumo di materie prime, l’utilizzo di energia e l’emissione di gas serra associati.

Ma i sistemi più efficaci per la gestione dei rifiuti sono quelli basati sulla riduzione dei rifiuti e sul loro riuso (tecnicamente definito “reimpiego”) in cui, una volta terminato l’utilizzo di un oggetto, esso non va ad aumentare la mole dei rifiuti ma dopo un semplice processo di pulizia viene utilizzato nuovamente senza che i materiali di cui è composto subiscano trasformazioni.

Saronno ha fatto molto in questo percorso, ancora tanto possiamo fare. Il mercatino del riuso saronnese, si inserisce in quest’ottica. Svuotare la cantina, ripulire il box, sistemare l’armadio con il cambio stagionale che per quanto riguarda i bimbi significa rivoluzionare l’armadio, non da solo un senso di liberazione e leggerezza. Non ci permette solo di portare a casa qualche euro.

È soprattutto un dovere civico, una possibilità di reperire oggetti utili ad un prezzo accessibile a molti, un sollievo per l’ambiente.

I commenti sono chiusi.